Il Modello UNICO 2002 è un modello unificato delle dichiarazioni tramite il quale è possibile presentare più dichiarazioni fiscali e, in particolare, la dichiarazione dei redditi, dell’IVA, dell’IRAP e la dichiarazione dei sostituti d’imposta ed intermediari di cui al modello 770/2002 ORDINARIO

Con riferimento alla dichiarazione unificata, occorre innanzitutto ricordare che i soggetti tenuti per l’anno 2001 alla presentazione della dichiarazione modello 770/2002 ORDINARIO, hanno la facoltà e non l’obbligo di includere tale dichiarazione in quella unificata, a prescindere dal numero di soggetti cui la medesima si riferisce.
In ogni caso, solo la dichiarazione modello 770/2002 ORDINARIO può essere compresa nella dichiarazione unificata, attesa la coincidenza del termine di presentazione, mentre non può essere mai compresa nella dichiarazione unificata la dichiarazione modello 770/2002 SEMPLIFICATO.
Occorre altresì tenere presente che sulla base delle disposizioni previste dal D.P.R. 22 luglio 1998, n. 322, come da ultimo modificate dal D.P.R. 7 dicembre 2001, n. 435, le società e gli enti di cui all’articolo 87, comma 1, lettere a) e b) del TUIR, tenuti all’utilizzo del presente modello, sono obbligati alla presentazione in via telematica di tutte le dichiarazioni previste dal D.P.R. n. 322 del 1998 (redditi, IVA, IRAP e sostituti).
Si ricorda inoltre che, sulla base delle medesime disposizioni, sono tenuti alla presentazione della dichiarazione in forma unificata i contribuenti che ai fini dell’IRPEG hanno un periodo di imposta coincidente con l’anno solare e che sono tenuti alla presentazione di almeno due delle seguenti dichiarazioni:
– dei redditi;
– dell’IVA;
– dell’IRAP;
– dei sostituti ed intermediari Mod. 770ORDINARIO, se scelgono di comprenderlo nella dichiarazione unificata.
Il modello UNICO 2002 – Società di capitali, enti commerciali ed equiparati si compone di quattro modelli, così diversificati, a seconda del loro utilizzo:
– Modello per la dichiarazione dei redditi, i cui quadri sono contrassegnati dalla lettera R;
c Modello per la dichiarazione annuale IVA, i cui quadri sono contrassegnati dalla lettera V;
– Modello per la dichiarazione IRAP, i cui quadri sono contrassegnati dalla lettera I;
– Modello 770ORDINARIO per la dichiarazione dei sostituti d’imposta e degli intermediari, i cui quadri sono contrassegnati dalla lettera S.
I contribuenti, nei confronti dei quali si applicano gli studi di settore o i parametri, sono tenuti altresì a presentare l’ulteriore modello per la comunicazione dei dati rilevanti ai fini dell’applicazione degli stessi.
Tutti i predetti modelli, utilizzabili per la presentazione della dichiarazione unificata, sono identici a quelli previsti per la presentazione delle stesse dichiarazioni in forma autonoma.
Il contribuente deve utilizzare i soli modelli necessari, compilando esclusivamente i quadri occorrenti per la presentazione della dichiarazione, avendo cura di non compilare o inserire più frontespizi, in quanto i dati identificativi e quelli riepilogativi sono presenti nel frontespizio del modello UNICO 2002.
Nelle istruzioni contenute nella presente dichiarazione dei redditi, in quella dell’IVA, dei sostituti d’imposta ed intermediari Mod. 770ORDINARIO e dell’IRAP sono indicati i contribuenti obbligati alla presentazione di ciascuna di queste dichiarazioni.
Nel predetto sito internet dell’Agenzia delle Entrate i modelli e le relative istruzioni sono disponibili inoltre in uno speciale formato elettronico riservato ai soggetti che utilizzano sistemi tipografici al fine della loro riproduzione.
Le istruzioni per la compilazione del modello di dichiarazione dei redditi sono state raggruppate in funzione della sequenza logica delle operazioni che il contribuente pone in essere, ossia:
– determinazione del reddito;
– determinazione delle imposte;
– versamenti, compensazioni e rimborsi.
Come si utilizza il modello unico società di capitali
Il presente modello contiene i quadri da utilizzare per la dichiarazione dei redditi. Questo modello deve essere utilizzato per dichiarare i redditi relativi al periodo di imposta in corso alla data del 31 dicembre 2001, sia nel caso in cui la dichiarazione venga presentata in forma unificata sia quando non ricorra tale obbligo.
Ai fini dell’utilizzazione dei modelli per la compilazione della dichiarazione e tenendo presente che l’obbligo di presentazione della dichiarazione unificata è previsto per i contribuenti con periodo d’imposta coincidente con l’anno solare, si ricorda che è considerato periodo di imposta coincidente con l’anno solare anche quello avente durata inferiore a 365 giorni, a condizione che lo stesso termini il 31 dicembre (ad esempio, società costituita in data 1° luglio 2001 ed il cui primo esercizio abbia termine il 31 dicembre 2001).
I contribuenti che ai fini dell’IRPEG hanno un periodo di imposta non coincidente con l’anno solare non possono presentare la dichiarazione in forma unificata; tuttavia, per motivi di semplificazione, la dichiarazione IRAP va in ogni caso presentata congiuntamente alla dichiarazione dei redditi.
Sono invece considerati periodi di imposta non coincidenti con l’anno solare, non solo quelli cosiddetti “a cavallo”, a prescindere dalla durata inferiore o superiore a 365 giorni (ad es. un periodo di imposta con durata dal mese di marzo 2001 al mese di febbraio 2002 ovvero dal 1° ottobre 2000 al 31 dicembre 2001), ma anche quelli infrannuali chiusi in data anteriore al 31 dicembre 2001 (ad es. il periodo 1° gennaio30 settembre 2001, nel caso di trasformazione da società di capitali in società di persone intervenuta in data 30 settembre 2001).
Per i periodi di imposta che, ai fini dell’IRPEG, sono chiusi anteriormente al 31 dicembre 2001, anche se iniziati nel corso del 2000 (ad es. periodo dal 1° luglio 2000 al 30 giugno 2001) si applicano le seguenti regole:
– la dichiarazione dei redditi va presentata in forma non unificata, utilizzando il modello UNICO 2001 approvato nel corso del 2001.
In questo caso, qualora il modello UNICO 2001 non consenta l’indicazione di taluni dati necessari per la dichiarazione, richiesti invece nei modelli approvati nel 2002, tali dati dovranno essere forniti solo a richiesta dell’Agenzia delle Entrate;
– la dichiarazione IVA va presentata utilizzando il modello IVA 2002, approvato con provvedimento del 21 dicembre 2001 e pubblicato nel S.O. n. 8 alla G.U. n. 11 del 14 gennaio 2002, relativamente all’anno d’imposta 2001;
– la dichiarazione dei sostituti di imposta e degli intermediari va presentata utilizzando il modello 770/2002 ORDINARIO, approvato con provvedimento del 21 dicembre 2001 e pubblicato nel S.O. n. 13 alla G.U. n.18 del 22 gennaio 2002, relativo all’anno d’imposta 2001;
– la dichiarazione IRAP va presentata sempre congiuntamente a quella dei redditi, utilizzando il modello approvato nel corso del 2001.
I curatori fallimentari sono tenuti alla presentazione delle dichiarazioni relative al soggetto fallito in forma autonoma, nei termini previsti per ciascuna dichiarazione.

sottocategoria:    Unico-soc-di-capitali-