Riassunto contatti con il Tour Operator

Dicembre 2002:  la risposta del Tour Operator pur ammettendo i disagi avuti, è stata nella effettiva proposta di rimborso danni, molto al di sotto delle aspettative.

I rimborsi di 50 Euro per chi aveva subito i ritardi aerei e di 100 Euro circa per chi aveva avuto ulteriori problemi non sono ritenuti minimamente adeguati rispetto i disagi subiti. 

Oltretutto i rimborsi proposti sono sotto forma di Buoni Sconto per una nuova vacanza !!! (chiunque volesse comunque accettare tale proposta può mettersi in contatto con la propria agenzia viaggi).

Per la richiesta di rimborso adeguato saremo quindi obbligati a procedere per via giudiziale. Di conseguenza tutti coloro che hanno dato delega verranno contattati per le opportune pratiche.

Due le date per portare la documentazione (biglietto aereo, ricevuta del pagamento effettuato o copia del contratto da richiedersi eventualmente presso l’agenzia):

– Venerdì 10 e mercoledì 15 Gennaio 2003 dalle 15.00 alle 19.00 presso:

Studio legale Avv. Irene Brolo
Galleria del Corso 1 – Milano

Per informazioni:      Tel. 02 76.39.07.13  – Fax 02 76.39.68.11

 

26 Novembre 2002 il legale del Tour Operator non ha ancora riposto alla richiesta formale inviatagli precedentemente.
Il termine per una conciliazione è scaduto, quindi, se entro questa settimana, non dovesse arrivare una risposta positiva circa le somme minime richieste, si procederà con un’azione giudiziale.
Settimana prossima verranno contattate tutte le persone coinvolte per informare sulle modalità della procedura.

Il giorno 30 Ottobre 2002 alcune delle persone che hanno fatto ricorso sono state richiamate dalle agenzie del Tour Operator per un’offerta di un buono sconto di 50 Euro, tra le altre cose con scadenza agosto 2003. Consigliamo di non accettare tale buono per non precludere il rimborso in denaro richiesto.

Il giorno 23 Ottobre 2002 l’Avv. Brolo ha incontrato l’Avvocato rappresentante il Tour Operator. L’offerta ricevuta dal Tour Operator è stata rifiutata in quanto ritenuta non idonea e troppo bassa. E’ stata fatta un’ultima controproposta che sarà discussa dalla Direzione del Tour Operator. Entro il giorno 15 Novembre 2002 vi sarà la risposta definitiva. Se non venisse accettata tale proposta sarà richiesto a tutti coloro che hanno dato la delega, la disponibilità a procedere con un’azione legale per un adeguato risarcimento.

Il giorno 1 Ottobre 2002 è stata sollecitata una risposta dall’Avvocato rappresentante il Tour Operator. La risposta avuta è che vi sarà la possibilità di incontro a far data dal 18 Ottobre 2002.

Il giorno 10 settembre 2002 e’ stato presentato contro il Tour Operator, per tutte le oltre 130 deleghe pervenute, il ricorso per i disagi subiti durante il viaggio in Egitto di Agosto 2002.
Le richieste sono state spedite con lettera raccomandata ar interrompendo così i termini di prescrizione per la presentazione del ricorso.


Vengono pubblicati due articoli in tema di diritti dei passeggeri:

Carta dei diritti del passeggero che espone l’attenzione di tutti i Paesi dell’Unione Europea sull’importanza del passeggero e dei suoi diritti nei complessi meccanismi del trasporto aereo.

Direttiva 90/314/CEE concernente i viaggi, le vacanze ed i circuiti “tutto compreso” gazzetta ufficiale n. L 158 del 23/06/1990

Per qualsiasi informazione su Ricorsi per vacanze rovinate scrivere ad info@unioneconsulenti.it