Il termine per la presentazione delle domande è stato fissato al prossimo 31 maggio. La Giunta Provinciale ha approvato le modalità operative relative agli interventi agevolativi previsti dalla legge 1329/1965, cosiddetta legge Sabatini.

Possono beneficiare delle agevolazioni le piccole e medie imprese con unità produttive ubicate nel territorio della Provincia di Trento.

Sono esclusi gli investimenti finalizzati all’esercizio delle seguenti attività economiche (classificazione ISTAT):

– siderurgia (13.10, 13.20, 27.10, 27.22.1, 27.22.2);
– costruzioni navali (35.11.1, 35.11.3);
– pesca (05.01);
– trasporto (60, 61, 62).

L’aiuto pubblico consiste in un contributo sullo sconto di effetti aventi scadenza fino a 5 anni dalla data di emissione, garantiti da privilegio sulle macchine portanti il contrassegno previsto dall’art.1 della legge 1329/1965 purché gli effetti siano collegati ad un medesimo contratto con dilazione di pagamento o di locazione superiore a 12 mesi, inerenti l’acquisto o la locazione finanziaria di macchine utensili o di produzione nuove di fabbrica, costruite in Italia o all’estero di costo unitario o complessivo superiore a 516,45 euro. Sono compresi i sistemi di macchine, le parti complementari, gli accessori, i macchinari e le attrezzature fisse o semoventi, per manipolare, trasportare e sollevare materiali.

Le macchine utensili o di produzione non devono risultare fatturate anteriormente alla data di stipula del contratto di acquisto o di locazione.

Il contributo è pari alla differenza dei netti ricavi delle operazioni di sconto calcolati alla data (valuta) della erogazione effettuata dalla banca o dall’intermediario, rispettivamente, al tasso di sconto agevolato ed al tasso di sconto di riferimento.

L’importo massimo complessivo sul quale quantificare il contributo è di euro 1.600.000,00.

Possono essere oggetto di accoglimento operazioni riferite ad una stessa unità produttiva o operativa fino a concorrenza del limite di complessivi 2.400.000,00 euro di credito capitale dilazionato, relativo a contratti trascritti dal 1° gennaio al 31 dicembre dello stesso anno.

L’agevolazione non è cumulabile con altre agevolazioni contributive o finanziarie dirette sullo stesso investimento previste da altre leggi nazionali, regionali o provinciali.

In fase di prima applicazione e sino al 31.5.2003, possono essere presentate anche le domande i cui effetti siano stati emessi da non oltre 24 mesi rispetto alla data di presentazione dell’istanza stessa.

NB: Le richieste di contributo devono essere presentate al Mediocredito Centrale (MCC). Ulteriori informazioni sono disponibili sul sito internet del MCC: www.mcc.it

Articolo tratto dal sito dell’Istituto per la Promozione Industriale

sottocategoria:    Finanziamenti-