Con il mandato, l’agenzia provvede ad inviare una messa in mora in madrelingua al debitore. Successivamente, lo stesso viene contattato telefonicamente per verificare i motivi del ritardo del pagamento.

Il contatto telefonico, costituisce un primo tentativo di recupero, e mira a raccogliere una serie di informazioni ed impressioni che saranno utili al funzionario che gestirà la pratica in loco. 

La possibilità di disporre di un servizio esattivo direttamente sul luogo (ad esempio una filiale nel paese del debitore) permette di ottenere buoni risultati nella fase stragiudiziale.

Se tuttavia non fosse possibile raggiungere una soluzione stragiudiziale, bensì fosse necessario adire le vie legali, si provvederà ad informare l’avvocato sulla situazione finanziaria e sulla consistenza immobiliare del debitore, in modo da permettergli la valutazione della convenienza di procedere con un’azione legale.

Sottocategoria: crediti-esteri-