Modello F24, modello e software. I modelli di pagamento F24 prelevati da Internet e stampati con stampante laser o a getto d’inchiostro possono essere utilizzati per effettuare i versamenti, purché mantengano la conformità ai modelli ufficiali per quanto riguarda le spaziature e le altre caratteristiche di stampa.

Servizio aggiornamento gratuito a disposizione degli utenti registrati di Unione Consulenti.

Modello F24

Il modello F24 deve essere usato per pagare:

Modello F24
Istruzioni compilazione modello F24

· Imposte sui redditi e ritenute alla fonte
· Iva
· Imposte sostitutive delle imposte sui redditi e dell’Iva
· Irap
· Addizionale regionale o comunale all’Irpef
· Contributi e premi Inps, Inail, Enpals, Inpdai
· Interessi in caso di pagamento rateale
· Liquidazione e controllo formale della dichiarazione
· Avviso di accertamento
· Avviso di irrogazione sanzioni
· Accertamento con adesione (concordato)
· Conciliazione giudiziale
· Ravvedimento

Come si paga il Modello F24
È possibile pagare le somme dovute ad ogni singola scadenza anche utilizzando più modelli.
Il versamento può essere effettuato presso gli sportelli di qualunque concessionario o banca convenzionata e presso gli uffici postali:
– in contanti;
– con carte PagoBANCOMAT, presso gli sportelli abilitati;
– con carta POSTAMAT, con addebito su conto corrente postale presso qualsiasi ufficio postale;
– con assegni bancari o postali tratti dal contribuente a favore di se stesso o con assegni circolari o vaglia postali emessi all’ordine dello
stesso contribuente e girati per l’incasso alla banca o a Poste. In ogni caso l’assegno o il vaglia devono essere di importo pari al saldo finale del modello di versamento. Nel caso in cui l’assegno postale venga utilizzato per pagare tramite Poste l’operazione dovrà essere eseguita all’ufficio postale ove è intrattenuto il conto.
– con assegni circolari e vaglia cambiari, presso i concessionari.
Attenzione: nel caso in cui l’assegno risulti anche solo parzialmente scoperto o comunque non pagabile, il versamento si considera omesso.

Compensazione Modello F24
E’ stata riconosciuta la possibilità di effettuare la compensazione degli erronei versamenti a credito con altri versamenti a debito, sia per lo stesso diritto annuale, sia per qualunque altro tipo di tributo, per quei contribuenti che
hanno erroneamente versato il diritto annuale;
hanno erroneamente versato più volte il diritto annuale per lo stesso anno;
hanno effettuato il versamento ad una Camera di Commercio alla quale non competeva il diritto.

E’ importante però tenere presente che non è possibile compensare quando :
– l’importo è stato pagato con una modalità diversa dal modello F24 (es contanti, addebito automatico);
– il modello è stato compilato correttamente, ma l’errore nell’accredito dipende dall’intermediario (Banca o Ufficio Postale : in tal caso occorre rivolgersi all’intermediario che ha commesso l’errore, il quale è tenuto ad effettuare la correzione).

Omesso pagamento, ravvedimento operoso tramite  Modello F24
Il ravvedimento operoso, introdotto dall’art. 13 del D.Lgs. 472/97, che permette al contribuente di sanare spontaneamente le violazioni commesse nell’ambito tributario mediante il pagamento di una sanzione ridotta rispetto a quella ordinaria entro dei termini ben precisi:

entro 1 mese dalla violazione, mediante il pagamento: del tributo dovuto; di 1/8 del minimo della sanzione irrogabile; degli interessi moratori

entro 12 mesi dalla violazione, mediante il pagamento: del tributo dovuto; di 1/5 del minimo della sanzione irrogabile; degli interessi moratori

Fonte: Agenzia delle Entrate

Altri riferimenti alla dichiarazione dei redditi 2005

Scadenze 730 Unico
Modello 730 2005
Modello 770 2005
Modello IVA 2005
Modelli Irap 2005
Modello F24 2005
Unico 2005 persone
Unico 2005 società di persone
Unico 2005 Società di capitale
Studi di Settore 2005

Finanziaria 2005
Legge finanziaria 2005
Aliquote ICI 2005

Sottocategoria:  F23-e-F24-

Vi ricordiamo che è disponibile in merito alla dichiarazione dei redditi il servizio professionale di risposta ai quesiti personali: Richiedi un parere all’esperto