Con il contratto di franchising l’impresa affiliante (franchisor) concede alle imprese affiliate (franchisee) il diritto di sfruttare una formula commerciale da essa identificata.
Le imprese affiliate, oltre a distribuire i beni del franchisor, ne assimilano l’insegna, il marchio e i metodi gestionali.
Un caso tipico e ben conosciuto a livello mondiale è rappresentato dalla catena di fast-food McDonalds.
I vantaggi di un contratto di franchising sono consistenti per entrambe le parti: il franchisor può sviluppare un’ampia rete di vendita a costi contenuti, il franchisee può trarre un vantaggio commerciale dall’utilizzo di un marchio bene conosciuto e pubblicizzato a livello nazionale.
Il D.Lgs. n. 185 del 21 aprile 2000 contiene una serie di misure in favore dell’autoimpiego in franchising. 
Eccone un estratto:

Capo III 
Misure in favore dell’autoimpiego in franchising

Art. 21. 
Soggetti beneficiari

Al fine di favorire la creazione di nuove iniziative di autoimpiego in forma di franchising, possono essere ammesse ai benefici di cui all’articolo 15 le ditte individuali e le società, anche aventi un unico socio, di nuova costituzione, che presentino progetti nei settori di cui all’articolo 22, comma 1, realizzabili in qualità di franchisee. 
I titolari delle ditte individuali ed almeno la metà numerica dei soci delle società di cui al comma 1, i quali devono detenere almeno la metà delle quote di partecipazione, devono possedere i requisiti di cui all’articolo 17, comma 1. Trovano applicazione le disposizioni di cui al citato articolo 17, comma 2. 
Le ditte individuali e le società di cui al comma 1 devono avere la sede legale, amministrativa ed operativa nei territori di cui all’articolo 14. 
La presente disposizione non si applica alle società di fatto ed alle società aventi scopi mutualistici. 

Art. 22.
Progetti finanziabili 

Possono essere finanziate, secondo i criteri e gli indirizzi stabiliti dal CIPE e nei limiti posti dalla Unione europea, le iniziative relative ai settori della produzione e commercializzazione di beni e servizi mediante franchising. 
Sono esclusi dal finanziamento i progetti che si riferiscono a settori esclusi o sospesi dal CIPE o da disposizioni comunitarie. 

Sottocategoria:  Franchising-