Avviare un’impresa femminile molto spesso è ancora difficile, ma sempre più donne ci credono e riescono a realizzare il loro sogno. A dispetto di una burocrazia giudicata troppo pesante, di un rapporto problematico con il credito e pregiudizi e scetticismo ancora diffusi.

Servizio aggiornamento gratuito a disposizione degli utenti registrati di Unione Consulenti.

E’ questa, in sintesi, quanto emerge dal (file in formato .pdf – 8 minuti)

Primo Rapporto nazionale sulle imprese femminili

realizzato dal Ministero delle Attività Produttive e Unioncamere con il contributo di AsseforCamere.

Il Rapporto si propone di formulare un quadro aggiornato dell’universo imprenditoriale femminile integrato con il sistema produttivo e sociale, oltre che di elaborare i dati statistico-quantitativi dell’Osservatorio dell’imprenditoria femminile attivato da Unioncamere attraverso Infocamere con dati aggiornati ogni sei mesi a partire dal dicembre 2002.

Il Rapporto indica una crescita significativa di donne che scelgono il percorso professionale dell’imprenditoria. 

Ammontano infatti al 23,5% delle imprese attive in Italia le aziende guidate da imprenditrici.

Il numero maggiore di imprese femminili si concentra nelle regioni meridionali continentali: oltre 303mila imprese (il 25,8% del totale nazionale), che diventano 433mila (il 36,8%) se si considerano anche le isole. 

Seguono l’Italia Nord occidentale (24,7%), quella centrale (il 19,6%) e infine il Nord-Est (solo il 18,8%). 

La regione relativamente più “femminile” è il Molise, dove un’impresa su tre (il 32,3%) è gestita da donne, mentre Lombardia ed Emilia Romagna si dividono l’ultimo posto in questa graduatoria. 

Le imprese femminili attive a fine dicembre 2003 si concentrano prevalentemente nei settori del commercio e dell’agricoltura (oltre 55 imprese su 100). 

Dopo commercio e agricoltura, i settori più popolati sono le attività manifatturiere (10,6%), le attività immobiliari (9,5%) e gli altri servizi pubblici, sociali e personali (8,9%).

Articolo tratto dal sito ufficiale del governo italiano

Sottocategoria Avviare-un-impresa-

Per avere ulteriori informazioni vi ricordiamo che è disponibile il servizio professionale di risposta ai quesiti personali: Richiedi un parere all’esperto