Il Ministero del Lavoro, con apposito comunicato, chiarisce alcuni aspetti inerenti la validità del DURC per la partecipazione a bandi pubblici.

Servizio aggiornamento gratuito a disposizione degli utenti registrati di Unione Consulenti. 

Nell’ottica di un chiarimento sulla validità del Documento Unico di Regolarità Contributiva, l’autorità di controllo sui pagamenti pubblici ha stabilito che per ciò che riguarda il solo settore dei cantieri edili alla certificazione va riconosciuto una validità trimestrale. Questo chiarimento si attua nell’ottica di una semplificazione e velocizzazione delle procedure di gara per quanto attiene il settore degli appalti pubblici.

Va ricordato che nelle procedure in oggetto, ossia in materia di contratti pubblici disciplinati dal D.Lgs. n. 163/2006, permangono le indicazioni giurisprudenziali per cui:

a) nella fase di selezione del contraente, in materia di partecipazione a bandi pubblici, occorre l’acquisizione di un DURC valido per ciascuna procedura cui si intende partecipare. La certificazione in oggetto è volta ad attestare la posizione di regolarità contributiva della ditta partecipante. Come si accennava poc’anzi tale attestazione ha validità trimestrale, e può essere utilizzata a fini di controllo delle autocertificazioni emesse dall’impresa, o ancora, ai fini dell’aggiudicazione e sottoscrizione del contratto (ovviamente a condizione che non siano trascorsi i termini dei tre mesi di validità di cui sopra).

Occorre sottolineare in questa sede, che il DURC emesso per la partecipazione dell’impresa a bandi per lavori pubblici non può essere utilizzato per partecipare ad una selezione con finalità diverse (ad esempio per la fruizione di contributi pubblici o per una richiesta per lavori privati nell’edilizia).

b) Per la fase di stato di avanzamento dei lavori o di stato regionale/esecuzione, fermo restando l’obbligo di richiedere un nuovo DURC per ciascuno stato di avanzamento dei lavori o stato finale riferirti a ciascun singolo contratto, il DURC ha validità trimestrale per ciascun pagamento per il quale è stato acquisito.

c) Occorre richiedere il DURC anche nelle casistiche di appalti per l’acquisizione di beni, servizi, lavori effettuati in economia ed ha validità trimestrale in relazione a ciascun singolo contratto. Per ragioni dovute alla speditezza e alla semplificazione delle procedure, nelle sole ipotesi di acquisto in economia di servizi e beni per i quali è consentito l’affidamento diretto del responsabile del procedimento, il DURC ha validità trimestrale in relazione all’oggetto e non solo in relazione al contratto.

Una ulteriore precisazione va svolta per quanto riguarda la validità del DURC per il rilascio di attestazione quali attestazioni SOA o iscrizione all’albo fornitori, che analogamente a quanto disposto in materia di contratti pubblici, ha durata trimestrale trimestrale; diversamente, per ciò che riguarda la documentazione rilasciata per benefici normativi e contributivi ha validità mensile.

Una differenza di rilievo che contraddistingue, invece, il DURC per la partecipazione a lavori di edilizia privata: anch’esso ha una validità trimestrale ma può essere utilizzato, nell’arco del periodo di validità, per l’inizio di più lavori.

Dott. David Cazzaniga

Sottocategoria:  leggi-e-normative-

Per avere ulteriori informazioni vi ricordiamo che è disponibile il servizio professionale di risposta ai quesiti personali: Richiedi un parere all’esperto