Home » Finanziamenti agevolati » I fondi immobiliari chiusi: Il rovescio della medaglia (3°parte)

I fondi immobiliari chiusi: Il rovescio della medaglia (3°parte)

aprile 18, 2003 4:34 pm Categoria: Finanziamenti agevolati A+ / A-

I fondi immobiliari chiusi, forse proprio a causa della loro semplicità, sono uno strumento mal spiegato, pochissimo conosciuto, spesso male interpretato, e soprattutto mal utilizzato


Dossier suddiviso in 3 parti: 
1° parte : I fondi immobiliari chiusi:
Generalità
2° parte : I fondi immobiliari chiusi:
I costi
3° parte : I fondi immobiliari chiusi:
Il rovescio della medaglia


Il rovescio della medaglia

Uno ma non da poco: allo stato dell’arte, i fondi immobiliari chiusi, forse proprio a causa della loro semplicità, sono uno strumento mal spiegato, pochissimo conosciuto, spesso male interpretato, e soprattutto mal utilizzato. Questo fa sì che gli 8 quotati abbiano un mercato difficile, e siano scambiati meno di quanto meriterebbero. 

Scontano, inoltre, un ingiustificabile, anche se spiegabile, disinteresse, da parte dei collocatori: estremamente attivi al momento di raccogliere commissioni di ingresso, ma latitanti durante la successiva fase di negoziazione in Borsa.

Le commissioni di sottoscrizione sono pesanti e non ammortizzabili rapidamente, quindi penalizzano i sottoscrittori della prima ora, rispetto agli acquirenti in Borsa.

La negoziazione, un po’ rigida, richiede attenzione e flessibilità, ed è appannaggio più dei gestori professionali che operano nella gestioni patrimoniali personalizzate ( GPM ), che dei frequentatori di borsini. 

Quindi la facilità di disinvestimento, pur enormemente più agevole rispetto alla dismissione di un immobile, è rallentata dalla rigidità degli scambi.

Il futuro

Comunicato stampa del 20 marzo 2003, a cura di Nomisma
Continua la crescita del mercato immobiliare italiano. I dati provenienti dalle città intermedie
mostrano che la corsa dei prezzi è proseguita nell’ultimo anno (+6,3% per le abitazioni, +5,4% uffici,+6,1% negozi e +7,9% capannoni industriali) non diversamente, anche se a saggi un po’ più contenuti, da quanto è accaduto nelle 13 città metropolitane (+10,0% per le abitazioni, +8,9% uffici, 8,2% negozi e +6,6% capannoni industriali).

Questo pare che non valga per i fondi immobiliari chiusi, che, con sconti sul NAV che vanno dal 16,2 al 35,5 % raggiungono una poco attendibile media del 24,95 %.

Come già accennato, la normativa si adegua alle nuove necessità, e le aziende interessate stanno sviluppando comparti più specializzati, sulla falsariga dei similari americani, e tra pochi anni il segmento di Borsa che negozia i fondi quotati sarà prevedibilmente parecchio più affollato, e quindi più operativo, di oggi.

Articolo scritto da Antonio Lucenti – BCV Gestion sim spa 
Per informazioni scrivere a
lucenti@antoniolucenti.it
Tel 02 58303435


sottocategoria:    Investimenti-

I fondi immobiliari chiusi: Il rovescio della medaglia (3°parte) Reviewed by on . I fondi immobiliari chiusi, forse proprio a causa della loro semplicità, sono uno strumento mal spiegato, pochissimo conosciuto, spesso male interpretato, e sop I fondi immobiliari chiusi, forse proprio a causa della loro semplicità, sono uno strumento mal spiegato, pochissimo conosciuto, spesso male interpretato, e sop Rating: 0
scroll to top