Bando per la concessione di agevolazioni a favore di imprese operanti in Campania nel settore delle tecnologie dell’informazione e della comunicazione (ICT) o di aspiranti imprenditori che intendano costruire tali imprese.

Per essere contattati compilare la scheda Finanziamenti PMI indicando Start up

PREMESSA

Il Programma intende favorire la creazione nella Regione Campania di nuove imprese ad alto contenuto tecnologico nel settore ICT utilizzando lo strumento dello spin-off da ricerca, nonché l’innovazione tecnologica delle imprese già operanti nello stesso comparto. A tal fine si intende promuovere l’elaborazione e la realizzazione di progetti d’impresa che consentano la nascita, il consolidamento e lo sviluppo di cluster territoriali costituiti da imprese ed altre istituzioni operanti nel settore dell’ICT nella
Regione Campania.

I – SOGGETTI AMMISSIBILI ALLE AGEVOLAZIONI
Possono presentare domanda per la concessione delle agevolazioni oggetto del presente bando:
1. Le persone fisiche che intendano avviare una attività imprenditoriale o costituire una società di
persone o di capitali che operino nel territorio della Regione Campania e che abbiano ad oggetto lo
svolgimento di un’attività nel settore delle tecnologie dell’informazione e della comunicazione (ICT);
2. Le imprese individuali, le società di persone o di capitali operanti nel settore delle tecnologie
dell’informazione e della comunicazione (ICT):
aventi la sede operativa nel territorio della Regione Campania;
iscritte nel registro delle imprese in data successiva al 31 dicembre 2002;
che abbiano conseguito un fatturato non superiore ad Euro 100.000,00 (centomila/00) sia
nell’esercizio anteriore a quello in corso alla data di presentazione della domanda, sia
nell’esercizio in corso fino al momento della presentazione della domanda stessa.

Escluse: Società di fatto.
In ogni caso le società costituite o costituende e le imprese individuali dovranno:

rientrare nei parametri dimensionali stabiliti per le PMI (raccomandazione 96/280/CE) alla data
di presentazione della domanda;

essere composte per almeno la metà, numerica e di quote od azioni, da soci persone fisiche,
oppure essere esercitate da imprenditori individuali che posseggano, alternativamente, uno dei
seguenti requisiti:

a) aver conseguito il diploma di laurea in materie tecnico-scientifiche attinenti al settore ICT in data
successiva al 31 dicembre 2002 con tesi sperimentale;

b) rivestire la qualifica di docenti o ricercatori universitari in materie attinenti al settore ICT o aver
conseguito il dottorato nel medesimo settore;

c) essere titolari di assegni di ricerca, di borse di studio post-laurea o post-dottorato universitari, in
materie attinenti al settore ICT;
d) essere dipendenti di Centri di ricerca pubblici o privati o di Università, inquadrati nel personale tecnico
operante nel settore ICT;

e) essere dipendenti o ex dipendenti di imprese operanti nel settore ICT con mansioni tecniche nel
medesimo settore.

II- AGEVOLAZIONI ECONOMICHE

Gli investimenti rientranti nei progetti presentati possono beneficiare delle agevolazioni in conto capitale
in misura variabile in relazione al progetto. L’importo del contributo, nel limite massimo concedibile di
Euro 600.000,00 (seicentomila/00), non potrà comunque eccedere il maggiore tra i due seguenti valori:
a) massimale stabilito per gli aiuti “de minimis” pari al 70% del progetto e non superiore ai
100.000,00 Euro in tre anni (Regolamento (CE) n. 69/2001 della Commissione del 12.1.2001);
b) massimale stabilito per gli aiuti a finalità regionale in favore delle PMI nella Regione Campania
pari al 35% di Equivalente sovvenzione netto più il 15% di Equivalente sovvenzione lordo
(Decisione della Commissione del 13 marzo 2000 GUCE C 175 del 24.06.2000)

III– PROGETTI AGEVOLABILI.

.Sono ammissibili alle agevolazioni i progetti relativi ai settori ICT rientranti nei codici Istat riportati in
allegato al presente bando (allegato sub 1) che prevedano la realizzazione di nuovi investimenti in beni
materiali o immateriali. Potranno essere inclusi nel progetto gli investimenti realizzati successivamente al
1° gennaio 2003. Il piano degli investimenti dovrà essere concluso e rendicontato a Sviluppo Italia –
secondo le indicazioni contenute nella modulistica che sarà allegata al contratto di concessione delle
agevolazioni – entro e non oltre il 31 ottobre 2005.

IV – BENI AGEVOLABILI.

Possono costituire oggetto delle agevolazioni gli acquisti dei beni di seguito indicati:
1. beni materiali mobili (macchinari, attrezzature, hardware e software di base, mobili e macchine
d’ufficio), a condizione che siano utilizzati esclusivamente presso la struttura produttiva in cui sono
realizzati gli investimenti e siano nuovi di fabbrica;
2. opere murarie ed impiantistica per un importo massimo del 15% dell’investimento e solo per lavori di
sistemazione di sedi esistenti;
3. beni immateriali, a condizione che siano sfruttati esclusivamente presso la struttura produttiva in cui
sono realizzati gli investimenti e che siano acquistati da terzi a prezzi di mercato; sono annoverabili tra
i beni immateriali:brevetti;licenze di sfruttamento di brevetti e di conoscenze tecniche brevettate;conoscenze tecniche non brevettate (know how);diritti di utilizzazione di opere dell’ingegno (software);
4. costi ad utilità pluriennale,quali:spese di costituzione della società; spese di ricerca e sviluppo.

V – AGEVOLAZIONI ECONOMICHE.

Gli investimenti rientranti nei progetti presentati possono beneficiare delle agevolazioni in conto capitale
in misura variabile in relazione al progetto. L’importo del contributo, nel limite massimo concedibile di
Euro 600.000,00 (seicentomila/00), non potrà comunque eccedere il maggiore tra i due seguenti valori:

a) massimale stabilito per gli aiuti “de minimis” pari al 70% del progetto e non superiore ai
100.000,00 Euro in tre anni (Regolamento (CE) n. 69/2001 della Commissione del 12.1.2001);

b) massimale stabilito per gli aiuti a finalità regionale in favore delle PMI nella Regione Campania
pari al 35% di Equivalente sovvenzione netto più il 15% di Equivalente sovvenzione lordo
(Decisione della Commissione del 13 marzo 2000 GUCE C 175 del 24.06.2000).

VI – BENI AGEVOLABILI.

Possono costituire oggetto delle agevolazioni gli acquisti dei beni di seguito indicati:
1. beni materiali mobili (macchinari, attrezzature, hardware e software di base, mobili e macchine
d’ufficio), a condizione che siano utilizzati esclusivamente presso la struttura produttiva in cui sono
realizzati gli investimenti e siano nuovi di fabbrica;
2. opere murarie ed impiantistica per un importo massimo del 15% dell’investimento e solo per lavori di
sistemazione di sedi esistenti;
3. beni immateriali, a condizione che siano sfruttati esclusivamente presso la struttura produttiva in cui
sono realizzati gli investimenti e che siano acquistati da terzi a prezzi di mercato; sono annoverabili tra
i beni immateriali:
brevetti;
licenze di sfruttamento di brevetti e di conoscenze tecniche brevettate;
conoscenze tecniche non brevettate (know how);
diritti di utilizzazione di opere dell’ingegno (software);
4. costi ad utilità pluriennale, quali:
spese di costituzione della società;
spese di ricerca e sviluppo.

VII – MODALITA’ DI EROGAZIONE

Le agevolazioni previste nella determina adottata da Sviluppo Italia S.p.A. sono erogate secondo le
seguenti modalità:

– acconto pari al 60% dell’agevolazione, dietro presentazione di fidejussione bancaria o polizza
assicurativa di pari importo, con scadenza al 31 dicembre 2005;
– saldo del rimanente 40% ad approvazione della rendicontazione finale delle spese effettivamente
sostenute secondo quanto specificato al successivo paragrafo IX.
Nel caso di aiuti superiori al regime “de minimis”, compatibilmente con i termini di attuazione e
completamento del progetto, potrà essere concessa – su richiesta del beneficiario – una erogazione
intermedia pari al 30% dell’agevolazione complessiva, dietro dimostrazione dell’effettivo utilizzo
dell’intero anticipo. In questo caso il saldo finale ammonterà al restante 10%.

Codice Istat Attività Ammessi

30.01.0 Fabbricazione macchine per ufficio
30.02.0 Fabbricazione di elaboratori, sistemi e di altre apparecchiature per l’informatica
30.00 Fabbricazione di macchine per ufficio, di elaboratori e sistemi informatici
31.30.0 Fabbricazione di fili e cavi isolati
32.10.0 Fabbricazione di tubi e valvole elettronici ed altri componenti elettronici
32.20.1 Fabb. apparecchi trasmittenti radio-TV, telecamere ed elettroacustici
32.20.2 Fabb.di apparecchi elettrici ed elettronici per telecomunicazione
32.20.3 Riparazione di apparecchi elettrici ed elettronici, impianti radiotelevisivi e di amplificazione sonora
32.20.0 Fabb.di apparecchi trasmittenti per la radiodiffusione e la televisione e di apparecchi per la
telefonia e telegrafia su filo
32.30.0 Fabbricazione di apparecchi riceventi per la radiodiffusione e la televisione, di apparecchi per la
registrazione e la riproduzione del suono o dell’immagine e di prodotti connessi
33.20.1 Costruzione di apparecchi di misura elettrici ed elettronici
33.20.2 Costruzione contatori gas, acqua, ecc.; di app.di misura, controllo e regolazione
33.20.3 Costruzione di strumenti per navigazione, idrologia, geofisica e meteorologia
33.20.4 Costruzione di strumenti per disegno e calcolo e di strumenti di precisione
33.20.5 Riparazione strumenti scientifici e precisione (esclusi quelli ottici)
33.20.0 Fabbricazione di strumenti e apparecchi di misurazione, controllo, prova, navigazione e simili,
escluse le apparecchiature di controllo dei processi industriali
33.30.0 Fabbricazione di apparecchiature per il controllo dei processi industriali
Servizi intangibili
Codice Istat Attività
64.20.0 Telecomunicazioni
72.00 Informatica e attività connesse
72.10.0 Consulenza per installazione di elaboratori elettronici
72.20.0 Fornitura di software e consulenza informatica
72.30.0 Elaborazione elettronica dei dati
72.40.0 Attività delle banche di dati
72.50.0 Manutenzione e riparazione macchine per ufficio ed elaboratori elettronici
72.60.0 Altre attività connesse all’informatica
72.60.1 Servizi di telematica, robotica, eidomatica
72.60.2 Altri servizi connessi all’informatica
74.81.3 Attività di aerofotocinematografia
Multimediale
Codice Istat Attività
22.14 Edizione di supporti sonori registrati
92.11.0 Produzioni cinematografiche e di video
92.20.0 Attività radiotelevisive

Per essere contattati compilare la scheda Finanziamenti PMI indicando Start up

sottocategoria:   Finanziamenti-