Contributo a fondo perduto nella misura del 60% degli investimenti ammissibili, comprensivo fino a 5.000,00 Euro per le spese di gestione relative al solo primo anno.

Se si desidera ricevere informazioni ed essere supportati da Unione Consulenti nella stesura del progetto compilare il modulo Finanziamenti regionali

Obiettivo della Misura
Nell’ambito del POR CALABRIA 2000-2006 Asse III Risorse umane Misure 3.4: Azione d) < > ed F) < >, sul “supplemento straordinario n.6 al B.U. della Regione Calabria – Parti I e II – n.7 del 16 Aprile 2004 è stato pubblicato l’avviso pubblico per la presentazione di domande tese ad ottenere incentivi economici a favore di portatori di handicap fisici per il lavoro autonomo e per l’avvio di nuove imprese sotto forma di «Prestito d’onore» e Azioni di sostegno atti a garantire, agli stessi, l’erogazione diretta di servizi di consulenza per la progettazione d’impresa o di lavoro autonomo e servizi di accompagnamento (Tutoraggio) per l’avvio e lo sviluppo dell’iniziativa finanziata.

Scadenza invio dati di progetto
La scadenza di invio dati per la valutazione del progetto e la successiva presentazione è fissata al 12/07/2004.

Destinatari
Soggetti maggiorenni, privi di occupazione, residenti in Calabria e con minoranze fisiche che comportano una riduzione della capacità lavorativa come definita dall’art. 1 della Legge 12 marzo 1999 n. 68.

Iniziative ammissibili
Nuove attività nei settori:  Produzione di beni , Fornitura di servizi , Commercio.

Spese ammissibili
a) adeguamento locali e impianti strettamente connessi allo svolgimento dell’attività; 
b) attrezzature ed altri beni materiali; 
c) spese relative agli adempimenti previsti dalla normativa vigente per l’avvio dell’attività imprenditoriale; 
d) spese per la promozione dell’attività che s’intende intraprendere; 
e) spese di esercizio, sostenute nel primo anno di attività, fino ad un massimo di 5.000,00 Euro per materie prime, semilavorati e prodotti finiti, utenze a canoni di locazione per immobili, oneri finanziari, esclusi gli interessi relativi al mutuo eventualmente acceso. Le spese di esercizio d’importo superiore, pur se consentite, non rilevano ai fini del computo dell’investimento ammissibile.

Contributi
Sono agevolabili, seconda la regola del “de minimis” i programmi di investimenti non superiori a 50.000,00 Euro al netto dell’IVA. Il Contributo a fondo perduto, comprensivo di MAX 5.000,00 Euro per le spese di gestione relative al solo primo anno, è nella misura del 60% degli investimenti ammissibili; Il Contributo in conto interessi è nella misura del 35% degli investimenti passivi in relazione al prestito acceso dal beneficiario presso il sistema creditizio; Sono previsti assistenza personalizzata e attività di tutoraggio per l’aspirante imprenditore..

Articolo a cura dello Studio del Dott. Antonio Russo 
email russa@tiscalinet.it

Sottocategoria Finanziamenti-

Se si desidera ricevere informazioni ed essere supportati da Unione Consulenti nella stesura del progetto compilare il modulo Finanziamenti regionali.