Da qualche tempo un numero crescente di aziende ha deciso di avvalersi della formazione on line, strumento didattico da anni sperimentato con successo all’estero ed ora utilizzato anche in Italia. L’e-learning nasce dall’integrazione tra l’utilizzo del computer come supporto didattico e l’evoluzione dei tradizionali metodi di formazione a distanza, come i corsi per corrispondenza. La sostituzione delle dispense cartacee con la distribuzione dei più moderni cd-rom è una delle prime iniziative del processo di sviluppo della formazione on line che ha visto la sua espansione solo dopo l’imponente diffusione di Internet.

Dalla maggior parte delle aziende l’on line learning è considerato un valido supporto al knowledge management, ovvero l’ottimizzazione del mantenimento e della condivisione con tutti i dipendenti, delle competenze maturate in anni di esperienza, perseguito oggi in tutte le realtà professionali.

In uno scenario attuale in cui la tecnologia e gli skill si evolvono rapidamente, essere in grado di gestire le informazioni, le capacità e il know-how diventa un punto fondamentale per chi desidera operare con successo. 
Accanto all’esigenza di acquisire nuove e maggiori competenze, anche molto complesse, scaturisce nelle aziende il bisogno di soddisfare la necessità di un aggiornamento costante di tutti i profili professionali, strutturando un sistema di apprendimento efficace ed interattivo e godendo dei numerosi benefici offerti dalla formazione on line, tra cui la possibilità di personalizzazione degli approcci, dei percorsi didattici e delle tempistiche in base alle richieste individuali dei vari alunni.

Un vantaggio indiscusso è la garanzia di un notevole risparmio. Questo tipo di formazione consente in primis l’abbattimento delle spese organizzative e logistiche dei corsi e poi la gestione automatica e la pubblicazione delle informazioni a costi ridottissimi.

Nella valutazione economica di un corso in presenza i costi fissi sono molteplici: numero dei partecipanti, costi di spostamento e di locazione, ore di docenza. L’e-learning elimina le spese di spostamento e riduce quelle di docenza, poiché si avvale di tutor, meno onerosi di un gruppo di docenti.

Da questo confronto diretto appaiono evidenti i motivi che hanno reso un progetto di formazione on line più conveniente (le stime si aggirano intorno al 40% circa) rispetto ad uno tradizionale.

Un altro aspetto da tenere in considerazione quando si parla di e-learning è la continua trasformazione degli stili di vita, che nello specifico riguardano la necessità di impegnare i momenti vuoti della giornata (gli intervalli lavorativi, i lunghi spostamenti, le attese) destinando questi tempi alla formazione. L’on line learning, non richiedendo la presenza fisica di docenti e studenti in un’aula, offre l’opportunità di accedere a questo sistema didattico 24 ore su 24 e 7 giorni su 7 e soprattutto da qualsiasi luogo e situazione, a condizione di avere un computer, anche portatile.

La formazione in rete via Internet favorisce la gestione di un numero molto elevato di utenti in tempi, luoghi ed obiettivi in modo estremamente flessibile, attraverso newsgroup e chat guidate agevola l’interazione fra docente/tutor e allievi e fra gli stessi allievi, e permette il monitoraggio dei processi di apprendimento anche a livello individuale e garantisce un facile ed immediato aggiornamento dei contenuti. Inoltre, grazie alla disponibilità di una grande quantità di informazioni e notizie presenti in rete, è possibile approfondire qualsiasi tema di studio.

Poter fare affidamento su metodi di formazione uniformi e funzionali che favoriscano il contatto, la collaborazione e la cooperazione fra i vari iscritti, è importante soprattutto per quelle aziende che vantano collaboratori dislocati in diverse aree geografiche.

L’adattabilità di una piattaforma di e-learning offre occasione alle aziende di poter organizzare corsi didattici differenti e personalizzabili a seconda della formazione necessaria al momento. Per incrementare la motivazione personale ed incoraggiare un apprendimento maggiore, si può adeguare il sistema alle richieste del singolo alunno. La formazione on line, oltre alla possibilità di apprendimento attraverso diversi generi di materiali multimediali di comoda consultazione, fornisce tutti gli strumenti utili per una strutturazione metodica dei materiali, per una corretta e precisa verifica dei risultati e per una continua familiarizzazione con gli ambienti virtuali. 

Al momento è ancora difficile stabilire se i sistemi usati rispondano appieno agli obiettivi di e-learning, ma è interessante illustrare, a titolo indicativo, quali potrebbero essere le caratteristiche principali in un piano di formazione ottimizzato. 
Aspetti da tenere particolarmente presenti sono: la possibilità di una verifica continua, sia da parte del docente che da parte dell’allievo, del livello di apprendimento; la qualità del flusso di informazioni; la presenza di un Tutor a supporto del percorso formativo; la strutturazione modulare e la suddivisione per livelli; prontezza ai cambiamenti necessari, rilevati dal monitoraggio costante dei risultati.

Una buona efficacia didattica è in stretta relazione con gli elementi costitutivi di un sistema di on line learning: il database, i sistemi di verifica, la comunità virtuale, gli approfondimenti, il tutor e la modularità. 

Il database dei contenuti è alla base di ogni sistema di e-learning ed è uno degli elementi più delicati in quanto deve permettere un costante aggiornamento, deve essere di facile consultazione, deve prevedere l’inserimento di dati eterogenei per l’approfondimento delle tematiche collegate al corso, ma soprattutto non deve essere dispersivo e consentire l’accesso personalizzato e differenziato da parte degli utenti. 

I sistemi di verifica hanno una duplice funzione: per il docente e per l’azienda costituiscono un valido strumento per valutare il livello raggiunto rispetto agli obiettivi stabiliti e per l’alunno è un mezzo indispensabile per l’autovalutazione. Il testing deve quindi essere continuo e fornire immediatamente la valutazione. 

La comunità virtuale, oltre ad agevolare la socializzazione e la conoscenza degli ambienti virtuali, spesso è usata come un supporto didattico per lo svolgimento di alcuni compiti. Possono crearsi gruppi di studio, sia spontanei che guidati; i forum, ambienti di approfondimento e di scambio di informazioni su argomenti specifici; oppure le chat e le mailing list interne a carattere informale. Tutti questi strumenti devono comunque essere sempre sotto la supervisione del Tutor che deve impedire eventuali dispersioni dagli argomenti. 

Gli approfondimenti caratterizzano la flessibilità di un progetto. Possono essere proposti sia dai docenti che dagli alunni. 
Il tutor è una figura strategica nel piano di formazione on line, in quanto ha un ruolo di coordinatore del corso. Si preoccupa di aggiornare il database, di guidare eventuali discussioni nelle community, deve attivarsi per fornire le risposte ad eventuali quesiti, deve supportare tutte le attività di strutturazione degli approfondimenti e costituisce il punto di riferimento per l’alunno. 
Infine la modularità del corso è la strutturazione dello stesso in diversi blocchi che si differenziano per il tipo di strumenti utilizzati e per i luoghi (sono possibili corsi in cui è prevista la compresenza reale della classe). A loro volta i blocchi sono personalizzabili, con accessi differenziati e sono modificabili anche nel corso del loro svolgimento. 

Per quanto sia stato semplice determinare le caratteristiche strutturali di un corso di e-learning, in un questo periodo che vede la forte crescita di questo business e il proliferare di società e di software per la formazione on line, sarà decisamente più complicato individuare dei parametri per la qualità di un corso. 

Scritto dalla dr.ssa Paola Almasi

Sottocategoria: Servizi-online-