Il Documento di Programmazione, approvato dal Governo nel Consiglio dei ministri del 16 luglio 2003, contiene le linee della politica economica e finanziaria per gli anni 2004-2007 e rappresenta la premessa per realizzare le riforme strutturali tanto discusse.

Articoli correlati

L’obiettivo è giungere ad un “Accordo per Riforme, Competitività, Sviluppo ed Equilibrio finanziario ” da tradurre in termini normativi nella prossima legge finanziaria, verificando gli indirizzi politici elaborati dalle singole Amministrazioni che verranno posti a base del dialogo con tutte le parti sociali e i rappresentanti delle autonomie locali.

Gli interventi proposti in questo DPEF mantengono la continuità con gli indirizzi programmatici che questo Governo ha adottato fin dal suo insediamento, pur tenendo conto di un quadro economico internazionale meno favorevole rispetto alle attese.

L’obiettivo è di rafforzare lo sviluppo economico e sociale del paese, fondato su alcuni pilastri fondamentali, comuni ai grandi paesi europei:

– una politica di riforme strutturali socialmente compatibili, in grado di adeguare le istituzioni dell’economia ai trend demografici e all’allungamento delle fasi del ciclo vitale: età scolare, età del lavoro, terza età;

– una politica di investimenti in capitale fisico e umano e in tecnologia, finalizzata ad innalzare la produttività e la competitività e, quindi, la crescita del paese, rendendo l’economia italiana pronta a cogliere pienamente gli stimoli della ripresa quando si manifesterà a livello globale e europeo;

– una politica macroeconomica e finanziaria atta a coniugare rigore e sviluppo, in linea con gli impegni europei.

PREMESSA

I – IL CONTESTO INTERNAZIONALE ED EUROPEO
I.1 La congiuntura economica
I.2 Le prospettive di medio termine
I.3 Il processo di allargamento dell’Unione Europea

II – L’EVOLUZIONE DELL’ECONOMIA ITALIANA
II.1 L’economia italiana nel 2003
II.1.1 Le tendenze economiche territoriali nel 2003
II.2 La finanza pubblica nel 2003
II.3 L’andamento tendenziale dell’economia italiana nel medio periodo
(2004-2007)
II.3.1 Le tendenze economiche territoriali nel 2004-2007
II.4 Il quadro tendenziale della finanza pubblica 2004-2007

III – GLI OBIETTIVI PROGRAMMATICI PER IL 2004 E IL MEDIO PERIODO
III.1 L’espansione del ciclo vitale e l’equilibrio tra risorse e spesa sociale
III.2 Il rilancio del sistema delle piccole imprese
III.2.1 L’innovazione tecnologica
III.2.2 Il potenziamento delle infrastrutture
III.3 Il quadro macroeconomico programmatico 2004-2007
III.3.1 Il quadro programmatico territoriale
III.4 Il quadro programmatico di finanza pubblica
III.5 Gli obiettivi del semestre italiano di presidenza dell’Unione Europea
III.5.1 Le azioni per la crescita europea
III.5.2 Integrazione commerciale e nuove vie dello sviluppo

IV – LA STRATEGIA PER LE AREE SOTTOUTILIZZATE: UN MEZZOGIORNO COMPETITIVO
IV.1 Tendenze e obiettivi programmatici
IV.2 La quantità e l’utilizzo delle risorse finanziarie per gli investimenti pubblici
IV.3 La qualità degli investimenti attraverso la cooperazione tra regioni e Stato centrale
IV.3.1 Gli accordi di Programma Quadro
IV.3.2 Il Quadro comunitario di sostegno
IV.3 Gli accordi di Programma Quadro
IV.4 Modernizzazione e rafforzamento delle capacità delle Amministrazioni pubbliche
IV.5 Incentivi, marketing territoriale e credito

V – UN ACCORDO PER RIFORME, COMPETITIVITA’, SVILUPPO ED EQUILIBRIO FINANZIARIO

VI – APPENDICE STATISTICA
Allegato 1: Programma infrastrutture strategiche:
Opere potenzialmente attivabili nel periodo 2004-2007

Articolo a cura del sito ufficiale del Governo Italiano

sottocategoria: leggi-e-normative-