La quota di competenza del singolo periodo di imposta del trattamento di fine mandato, accantonata dall’impresa erogante, nell’interesse dell’amministratore beneficiario, può essere dedotta dal reddito prodotto, solo ove sussista il requisito della data certa.

Servizio aggiornamento gratuito a disposizione degli utenti registrati di Unione Consulenti. 

La questione nasce dal testo dell’art. 105, comma 4 del TUIR (che richiama l’indennità di cui all’art. 17 comma 1 lett. c) ove si prevede che, per il percipiente, scatta la tassazione separata, anziché quella ordinaria, sulle somme tratte a seguito della cessazione dell’incarico, a patto che “il diritto all’indennità risulta da atto di data certa anteriore all’inizio del rapporto”.

In un primo tempo si riteneva siffatta condizione ininfluente per l’impresa.

Ma, con la risoluzione n. 211/E, diramata il 22 maggio 2008, l’amministrazione finanziaria si è espressa in senso contrario, vincolando al rispetto del citato presupposto l’ammissibilità della deduzione. Ove l’accantonamento non sia, invece, temporalmente collocabile con certezza, il costo sopportato potrà abbattere unicamente il reddito di impresa del periodo in cui avvenga l’erogazione materiale dell’indennità. La data certa può ricavarsi – secondo le indicazioni rese nella circolare n. 10/E, diramata 16 febbraio 2007 – da:
– un atto pubblico;
– l’apposizione di un’autentica di firma, il deposito di un documento o la vidimazione di un verbale in forma notarile;
– la registrazione o la produzione di un documento a norma di legge, presso un ufficio pubblico;
– l’apposizione del timbro postale sul foglio che certifica l’operazione alla quale occorre riconoscere rilevanza fiscale (ciò in base al principio giurisprudenziale di equiparazione tra timbratura eseguita in un pubblico ufficio ed attestazione autentica che il documento è stato inviato nel medesimo giorno in cui è stata eseguita, cfr Cass. civ., sez. I, sentenza 19 marzo 2004 n.5561);
– l’uso di procedure di protocollazione che offrano adeguate garanzie di immodificabilità dei dati successivamente all’annotazione;
– l’invio del documento ad un soggetto esterno.

La questione era già stata affrontata in passato, anche alla luce di due possibili situazioni che si sarebbero potute prospettare:
a) quella per cui una società di nuova costituzione, nel proprio statuto (o se preesistente con modifica dello statuto), preveda la corresponsione agli amministratori di una indennità di fine mandato;
b) quella che contempli la trascrizione del verbale di delibera con cui sia istituito il Tfm, nel libro delle adunanze assembleari regolarmente vidimato ex art. 1 del R.D. 14 luglio 1937 n. 166.

Ebbene, anche in tale eventualità, come nella precedente ipotesi, secondo le indicazioni contenute nella norma di comportamento n. 125/1995 dell’associazione dei dottori commercialisti di Milano, l’evidenza della data certa non si sarebbe dovuta negare. Eppure quest’ultima lettura non è stata condivisa dall’Agenzia delle entrate la quale ha escluso l’ipotesi dal novero di quelle elencate nella menzionata circolare n. 10/E. Dunque, se ne deduce che ove l’indennità di fine mandato non sia contemplata dallo statuto sociale (in sede di costituzione o con apposita modifica), occorre che gli amministratori rassegnino le proprie dimissioni per poter essere rinominati nella medesima assemblea con la quale si deliberi, in loro favore, la previsione dell’accantonamento.

Quest’ultimo può essere sostituito anche dalla stipula di una polizza assicurativa il cui premio sia posto a carico dell’impresa.

Se, quindi, l’assemblea dei soci che abbia previsto una indennità di fine mandato per l’amministratore, decida di accantonare e dedurre la quota in base al principio di competenza, o il premio assicurativo, in contabilità dovrà essere rilevato l’accantonamento stesso, mentre l’esborso del premio andrà annotato alla voce “credito nei confronti della società di assicurazione”.

All’atto della corresponsione del capitale al beneficiario, la società dovrà stornare il credito con il fondo accantonato.

A cura dello studio legale tributario aziendale CL & CN (Corporate Lawyers & Consultants Network)

www.giuristionline.com


Sottocategoria:  deduzioni-e-detrazioni-

Per avere ulteriori informazioni vi ricordiamo che è disponibile il servizio professionale di risposta ai quesiti personali: Richiedi un parere all’esperto