Per la legge italiana sono soggetti al fallimento tutti gli imprenditori commerciali ( società o ditta individuale) con esclusione dei piccoli imprenditori, ossia piccoli commercianti, lavoratori autonomi, imprese agricole e imprese familiari, professionisti, agenti e rappresentanti di commercio, enti pubblici.

In caso di comprovata insolvenza ossia non sia più in grado di far fronte ai suoi debiti, il fallimento può essere richiesto dall’imprenditore stesso o da uno o più creditori. In entrambi i casi la sentenza verrà dichiarata dal tribunale solo se ne riscontrerà i presupposti.

Sottocategoria: Fallimento-