6. reati telematici e fiscalità (Dossier suddiviso in sette parti)


1. introduzione: Fiscalità e Commercio Elettronico
2. la crisi dei principi generali nel diritto fiscale internazionale
3. tassazione del reddito trasnazionale e le operazioni di commercio elettronico
4. le proposte delle organizzazioni internazionali
5. l’ amministrazione finanziaria: problemi e opportunità derivanti dalle nuove tecnologie
6. reati telematici e fiscalità
7. cenni alla problematica giurisdizionale

6. reati telematici e fiscalità

Il commercio elettronico ha creato condizioni favorevoli per comportamenti finalizzati esclusivamente alla ricerca di vantaggi fiscali. Grazie alla internazionalizzazione del commercio, alla smaterializzazione dei beni, alla disintermediazione, alla decentralizzazione e assenza di controllo, all’ anonimato e allo sviluppo dei pagamenti elettronici, emergono una serie di reati che sfruttano appunto l’ assenza di quegli elementi concreti che in ambito tributario costituiscono riferimenti fondamentali per una corretta imposizione tributaria. 

A) comportamenti elusivi nell’ accesso online ai rifugi fiscali 
B) fenomeni di evasione totale caratterizzati dal disappearing taxpayer 
C) fenomeni di digiplanning caratterizzati dalla fuga dei contribuenti verso Stati a bassa fiscalità.

Una ulteriore difficoltà per le Amministrazioni finanziarie nell’ effettuare accertamenti di evasioni e controlli fiscali è data dalla possibilità di effettuare pagamenti tramite moneta elettronica o mediante trasferimento telematico di fondi, in quanto queste modalità di pagamento non prevedono forme di registrazione o archivio della movimentazione. 

Nel commercio elettronico le transazioni possono svolgersi anche senza l’ emissione di documenti cartacei, oltretutto con l’ entrata in vigore del DPR 513/97 si è riconosciuta la validità giuridica del documento elettronico; la stessa Commissione europea ha affermato la validità del documento informatico anche ai fini fiscali (COM (98) 374 ). 

Rimane da sciogliere il problema della (maggior) alterabilità dei dati contenuti nel documento elettronico; a questo proposito l’ art. 4 del DPR 513/97 rinvia ad un successivo decreto del Ministro delle Finanze la definizione delle modalità per adempiere gli obblighi fiscali relativi ai documenti informatici, nel frattempo, l’Amministrazione finanziaria si è espressa (in tema di spedizione e consegna della fattura) nel senso che sia impossibile eliminare il documento cartaceo, pur legittimando la trasmissione informatica.

Scritto dalla Dott.ssa Waifra Maccario

sottocategoria:    Leggi-e-normative-  Acquisti-e-vendite- Aspetti-Fiscali-  Ecommerce-